Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
20 Set 2019   04:12
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 2 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:




Periodco: ORIZZONTI ieri, oggi, domani Anno Settembre 2007 numero 3 Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.
Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.


Nome argomento:

Vedi tutti gli articoli per questo argomento.

«Osservatorio»
«Osservatorio»
Anche se operiamo da un piccolo osservatorio il nostro orizzonte è piuttosto ampio e ci consente di registrare fatti ed eventi che non poco preoccupano il vivere quotidiano.
Non potevamo sottacere su fatti di enorme portata come la torrida estate che ci ha accompagnati nei mesi di luglio ed agosto.
Abbiamo avuto una stagione di «fuoco»: si sono registrate temperature anche di 45 gradi. Tale «calura» ha alimentato non poco incendi di vaste proporzioni.
Sono stati distrutti migliaia e migliaia di ettari di bosco mentre le anomale condizioni climatiche hanno ridotto al lumicino enormi ghiacciai prosciugando fiumi e laghi.
Apprendiamo da televisioni e grandi quotidiani che le temperature sul territorio nazionale crescono ad una velocità quadrupla rispetto al resto del mondo con conseguenze tragiche.
La Vergine col Bambino di Lugnano
La Vergine col Bambino di LugnanoI TESORI DI CASA NOSTRA
La Vergine col Bambino di Lugnano meglio conosciuta come la Madonna del Fiore
La statua in avorio, di origine trecentesca ed attribuibile alla scuola francese, è situata nella Chiesa di Santa Maria della Misericordia, la sua peculiarità sta nelle dimensioni, infatti è alta circa 57 cm contro i 35 cm di media della altre statue in avorio a lei contemporanee.
Sul come la Madonna col Bambino sia giunta fino a Lugnano esistono due scuole di pensiero, la prima espressa da Ugo Valeri che, grazie ad un suo zio sacerdote don Domenico Valeri parroco nel dopoguerra presso la Chiesa di Santa Maria della Misericordia, entrò in possesso di un documento della Parrocchia, oggi andato perduto, in cui si affermava che la preziosa statuetta originariamente era collocata nella Chiesa di Santa Croce a Cittaducale da cui fu poi trasferita intorno al 1363 nell’omonima chiesa di Lugnano dalla nobile famiglia dei Quirini.
Vazia: la chiesetta del cimitero
Vazia: la chiesetta del cimitero in totale abbandono
Tutti noi ci rechiamo al cimitero e veniamo accolti, sul viale d’accesso, dalla chiesetta il cui portoncino è sempre aperto quasi a dare un saluto a chi va a rendere omaggio e ad onorare la memoria di chi non è più con noi.
È una vecchia chiesetta e dimostra tutta la sua veneranda età anche perché è in uno stato di abbandono veramente disdicevole!
Campionato mondiale junior
Rieti sulla scena sportiva internazionale: il quinto campionato mondiale junior
di volo a vela

Dal 29 Luglio al 10 agosto si sono svolti presso l’aeroporto Ciuffelli di Rieti i quinti campionati mondiali juniores di volo a vela che hanno visto la partecipazione di 53 atleti provenienti da 17 nazioni.

La città di Rieti è stata scelta sia per la ottima qualità delle correnti ascensionali, sicuramente le migliori a livello nazionale e nel gotha di quelle internazionali, sia per il grande lavoro profuso dalle amministrazioni Comunale e Provinciale le quali hanno costituito insieme alla Regione Lazio l’associazione Rieti Fai World Gliding 2007-2008 il cui consiglio di amministrazione è presieduto dall’Assessore provinciale allo sport Vincenzo Rinaldi, coadiuvato dal Vicesindaco di Rieti Giuliano Sanesi, da Enza Bufacchi della CNA di Rieti e dal presidente della Federazione italiana volo a vela (FIVV) Andrea Tommasi, mentre invece la direzione del comitato tecnico organizzativo della stessa associazione è stata affidata a Leonardo Brigliadori che, proprio nei cieli di Rieti, si laureò campione del mondo di volo a vela nel 1985.
Grande festa al rifugio Massimo Rinaldi
Rifugio Massimo RinaldiTerminillo: Grande festa al rifugio Massimo Rinaldi
Dopo lavori di restauro e ristrutturazione, nel mese di Luglio si è riaperto il  rifugio Massimo Rinaldi a Terminillo.
Le maestranze e il progettista hanno festeggiato la fine dei lavori e la riapertura dello storico rifugio.
I lavori si sono svolti in un arco di tempo relativamente breve tenuto conto che qualsiasi trasporto, di materiali o di personale, era alquanto disagevole ed era necessario l’utilizzo della seggiovia messa a disposizione dalla Società «Funivia del Terminillo».  
Musicisti di casa nostra
Musicisti di casa nostra
Bixio Cherubini: un grande autore della musica leggera italiana
Nato a Leonessa il 27 marzo 1899, Bixio Cherubini occupa un posto di primo piano nella storia della canzone italiana.
Il suo è un nome poco significativo per i più giovani, ma risulta fondamentale per l’evoluzione della nostra letteratura canzonettistica.
Figlio di un professore d’italiano, fervente garibaldino (da qui la scelta del nome), Bixio Cherubini interruppe i suoi studi a causa dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, alla quale partecipò come volontario.
Fu proprio in questa fase belligerante che nacque il suo amore per la musica, passione, questa, che lo indirizzò verso la composizione di brani musicali.
Come prevenire i tumori della pelle
Come prevenire i tumori della pelle
di Maria Concetta Fargnoli e Serena De Trane Clinica Dermatologica, Università degli Studi dell’Aquila
I tumori maligni della pelle, che includono il carcinoma baso-cellulare, il carcinoma squa-mocellulare ed il melanoma, sono i più frequenti nella popolazione caucasica rappresentando circa l’11% di tutte le neoplasie maligne. Il melanoma, che è il tumore maligno delle pelle con il comportamento clinico più aggressivo, ha mostrato un incremento di circa il 30% del tasso di incidenza negli ultimi 5 anni, con circa 6000 nuovi casi ed oltre 1200 morti ogni anno in Italia. Per tale motivo, negli ultimi anni il melanoma è stato oggetto di numerose campagne di sensibilizzazione e prevenzione. 
L’educazione cristiana
L’educazione cristiana e democratica prima di tutto
Nelle disastrose circostanze anche la collaudata rete parrocchiale di Associazioni o Circoli d’Azione Cattolica potrebbe rinvigorire capillarmente fiducia e volontà nella società civile. Fino a pochi anni prima essa ha portato non poche famiglie a collaborare all’apostolato della Chiesa, e s’è mostrata puntigliosa nel volere educare la gioventù secondo l’ordine cristiano, alla luce delle sue Verità soprannaturali rivelate. Gli Ordinari della Diocesi Massimo Rinaldi (1925/1941) e Benigno Luciano Migliorini (1941/1955) hanno dispiegato tutta l’organizzazione dell’Azione Cattolica per influenzare il popolo e per formarlo ad un elevato costume di vita e di credo religioso. Nel 1935 ad Antrodoco, in occasione di un affollato tesseramento dei parrocchiani, il vescovo M. Rinaldi ha spiegato che il programma portato avanti dall’Azione Cattolica reatina è ambizioso: è sì «religioso [ma] anche altamente civile» oltre che «patriottico»1, e B.L.
Chiesa di Santa Maria della Vittoria
Chiesa di Santa Maria della VittoriaTerminillo: la Chiesa di Santa Maria della Vittoria
La cappella ed il sacrario degli alpini caduti nella guerra d’Africa
«Oggi 18 luglio 1937 è stata benedetta ed aperta al culto la chiesetta della vittoria, costruita dall’Associazione Nazionale Alpini sulla montagna di Roma a quota 1667 del monte Terminilluccio, prospiciente il piazzale di Pian de Valli».
Così iniziava l’articolo del mensile «L’Alpino», organo ufficiale del-l’A.N.A., annunciando la cerimonia di inaugurazione del tempietto dedicato alla Madonna e del Sacrario degli Alpini caduti durante la guerra coloniale d’Africa.
Festa e colori a Lisciano
Festa e colori a LiscianoFesta e colori a Lisciano
Anche quest’anno a Lisciano, il giorno 11 agosto, si è svolta la «Festa del disegno». Hanno partecipato 30 bambini dai 0 agli 11 anni: Martina, Alice, Valeria, Siria, Giulia, Melania, Ginevra, Chiara, Nicolò, Giulia, Federica, Ettore, Giorgia, Elisa, Debora, Beatrice, Emanuele, Gianluca, Desirèe, Giusy, Shantal, Federico, Marco, Nicolò, Claudia, Luigi, Agnese, Marco, Diego e Tommy. Alle 17.00 si è dato inizio alla festa, e i piccoli pittori in erba hanno realizzato i loro disegni.