Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
30 Apr 2017   07:10
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 2 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:



n. 3/10 ORIZZONTI
Periodco: ORIZZONTI ieri, oggi, domani Anno Settembre 2010 numero 3
Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.


Nome argomento: n. 3/10 ORIZZONTI

Chiesa di S. Vito
Dove erano situati l’Immagine di Puccio, l’albero Punsaraco e l’antica chiesa di S. Vito?
L’ANTICO CONFINE DEL REGNO E LA MISTERIOSA SAN VITO
Per pianure e per montagne, dalle spiagge del mar Tirreno a quelle dell’Adriatico, corre una lunga fila di colonnette di pietra che segna il vecchio confine tra Regno delle Due Sicilie e Stato Pontificio (Figg. 1, 3, 4); i due governi lo fissarono in modo definitivo solo nel 1847, dopo secoli di discordie, scontri sanguinosi e tentativi d’accordo andati a vuoto; servì a poco, perché qualche anno dopo l’unità d’Italia l’avrebbe reso inutile.
Lugnano vuole vivere
Lugnano vuole vivere
Lugnano sta in alto, su uno sperone del Colle San Rocco, quasi nascosto tra il Colle Alario e quello di Categne, arrampicato casa su casa e grigio come la roccia che, sfaldata in strati poderosi, lo sostiene.
Un tempo fu un castello forte e potente, coronato da una grande torre, e dominava un vasto territorio. La torre è crollata da tanti anni e l’area del castello è appena riconoscibile nella parte alta del paese.
Festival del Teatro Popolare
È tornato a Rieti il Festival del Teatro Popolare
Organizzare quasi trenta spettacoli diversi in poco meno di un mese e in condizioni climatiche non sempre favorevoli, non deve essere stato semplice ma a Rieti è accaduto anche questo. Il Festival del Teatro Popolare, ospitato nel chiostro di S. Francesco, ha rappresentato una ghiotta occasione per conoscere le varie realtà teatrali del capoluogo sabino e della sua provincia. 
Saint Pierre Les Elbeuf
Le nostre interviste a Saint Pierre Les Elbeuf
Durante la cerimonia di inaugurazione della fontana si è anche presentata l’occasione di intervistare alcuni cittadini di S. Pierre, il signor Bruno Rosati (primo reatino ad emigrare a S. Pierre) e persino il sindaco Desan-glois in persona.
Le prime domande in merito alla questione del gemellaggio tra le due città ed i primissimi commenti a caldo sulla fontana, sono state rivolte ad alcuni cittadini francesi presenti alla cerimonia ed in particolare ad un membro anziano del Comitato Gemellaggio.
I grandi della musica italiana
Tornano a Rieti i grandi della musica italiana d’autore
Fiorella Mannoia a maggio, a settembre De Gregori e Dalla e poi a gennaio, Francesco Guccini. Negli ultimi tempi, l’Amministrazione della Provincia ed il giovane Assessore alle Politiche Turistiche Alessandro Mezzetti si stanno dando molto da fare e le tremila persone presenti al concerto di Lucio Dalla e Francesco De Gregori, sono il frutto di un’effervescenza positiva che, senza costi faraonici per la comunità, sta riportando Rieti al centro del circuito della musica italiana d’autore.
Pubblicato il nuovo bando
Il Servizio Civile, percorso di crescita: pubblicato il nuovo bando
Venerdì 3 Settembre sono stati pubblicati i Bandi 2010 dell’UNSC e delle Regioni e Province autonome, per la selezione di 19.627 volontari da impiegare in progetti di servizio civile in Italia e all’estero: Scadenza 04/10/2010 - 14:00.
(Fonte: GURI n. 70 del 03 settembre 2010 - 4°serie speciale - concorsi ed esami.).
Mostra d’arte
Colori e forme
Rieti: Mostra d’arte presso il Palazzo Comunale
Con il patrocinio della Galleria d’arte Cassiopea di Roma, di Regione Provincia e Comune ha avuto luogo un’interessante Mostra d’Arte nello spazio espositivo del Palazzo Comunale, in piazza Vittorio Emanuele II.
A scuola di basket
Rieti: A scuola di basket con Roberto Brunamonti
È passato un anno dall’immenso successo riscontrato nella prima stagione della ASD Willie Basket Rieti e della Scuola basket Roberto Brunamonti ed è tutto pronto per l’inizio delle nuove attività agonistiche.
Museo dei Beni Ecclesiastici
Immagini della pietà tele e gonfaloni delle confraternite nella collezione del Museo dei Beni Ecclesiastici della Diocesi di Rieti
Per gli adepti di una confraternita, più ancora dell’abito il gonfalone rappresenta l’elemento di identificazione di maggior rilievo: se, infatti, il sacco può essere volutamente rustico, in tela grezza, privo di decorazioni e orpelli a significare la volontà di servire in umiltà e spirito di sacrificio, il vessillo rappresenta l’effigie del Santo titolare della pia associazione, al cui seguito i confratelli si radunano e sfilano ordinati ed orgogliosi in pellegrinaggio ed in processione.
Il gonfalone è un drappo di tela doppia, sostenuto da un’asta, dipinto o preziosamente ricamato da ambo i lati.
Teatro Flavio Vespasiano
«Le serrande» del Teatro Flavio Vespasiano
Ancora una volta il teatro Flavio Vespasiono ha tenuto fede al suo nome imperiale e alla sua fama, risultando la migliore cornice possibile di uno serie di spettacoli di altissimo valore artistico andati in scena in occasione della seconda edizione del Reate Festival. 
Insieme per gioco ...
Insieme per gioco ... e poi ci hanno preso gusto
«Il nostro progetto denominato “Insieme Per Gioco anno 2010”,  nasce con la chiara intenzione di promuovere la musica in contesti particolari, dove proprio il linguaggio musicale può essere da tramite con vissuti difficili. 
Chiese ricche di storia
Rieti: 5 Chiese ricche di storia
In Rieti ci sono ben cinque chiese che sono di proprietà del Ministero degli Interni e che non sempre sono aperte al pubblico e ai fedeli. Sono edifici ricchi di storia, di cultura e di arte che costituiscono un importante patrimonio da conoscere e preservare.
L’organo Dom Bedos Roubo
L’organo Dom Bedos Roubo di San Domenico
Vi chiederete sicuramente perché l’organo della chiesa di San Domenico ha un così strano nome e noi vogliamo raccontarvi come la città di Rieti è riuscita ad avere uno strumento di tale valore da essere invidiato anche da esperti organisti esteri.
Estate terminillese
Questa breve estate turistica terminillese
C’è molta gente che fa turismo in Italia un po’ dovunque, dalle isole alle Alpi e viceversa, dalle città d’arte ai siti archeologici, dalle terme agli agriturisrno, oltre che al mare, ma diviene spontaneo un interrogativo: siete mai saliti al Terminillo?
Quale santo invocare
Quale santo invocare
San Liberato di Cantalice dal XII al XV secolo
Premessa
San Liberato è un agiotoponimo, ossia un luogo, nel nostro caso un centro abitato, che prende il nome da un Santo. In Italia di centri abitati, e non di semplici località, intitolati a santi se ne contano circa 2500, di cui circa 40 nella nostra provincia. A livello nazionale moltissimi sono i Sant’Angelo, i San Vito, i Santa Maria ecc. Di San Liberato invece ne esistono solo due: San Liberato di Cantalice e San Liberato di Narni.
In genere questi toponimi derivano il nome dal santo al quale è dedicata la chiesa, intorno a cui è sorto poi o si è aggregato l’abitato.