Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
28 Giu 2017   17:36
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 2 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:



n. 4/12 ORIZZONTI
Periodco: ORIZZONTI ieri, oggi, domani Anno Dicembre 2012 numero 4 Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.
Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.


Nome argomento: n. 4/12 ORIZZONTI

Il dialetto: un patrimonio culturale da salvare
Il dialetto: un patrimonio culturale da salvare
«Ahi, noi che viviamo in una sola generazione ogni generazione vissuta qui, in queste terre ora umiliate, non abbiamo nozione vera di chi è partecipe alla storia solo per orale, magica esperienza; e vive puro, non oltre la memoria della generazione in cui la presenza della vita è la sua vita perentoria».
Così, già alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso, Pier Paolo Pasolini intuiva il rapido, inarrestabile declino della civiltà contadina che aveva avuto nella tradizione orale la propria cifra espressiva, nel dialetto il marchio ed il limite dell’appartenenza. 
Quando la violenza sulle donne è cultura
Quando la violenza sulle donne è cultura
Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è rivoluzionario!
La violenza contro le donne è un fatto complesso e di non facile individuazione nelle sue cause profonde che coinvolgono le radici culturali di interi popoli e quello italiano tra gli altri. Infatti, questo tipo di violenza è spesso parte integrante di una cultura arretrata e maschilista che alcune battaglie del secolo scorso sembrava aver sopito almeno in Europa ma che in realtà non è mai stata sepolta.
Nazareno Strampelli, il mago del grano
Nazareno Strampelli, il mago del grano
Quella di Strampelli non è solo la storia di un uomo e di un ricercatore infaticabile. È soprattutto la narrazione di una straordinaria avventura scientifica destinata a cambiare i destini dell’umanità. È la storia di un’utopia concreta, della possibilità di creare in natura qualcosa di inedito. 
Una nuova TAC per la Radioterapia
Rieti: donazione della Fondazione Varrone
Una nuova TAC per la Radioterapia del S. Camillo de Lellis
È stata installata ed ha cominciato a funzionare da poco una nuovissima  apparecchiatura presso il Reparto di Radioterapia di Rieti.
Si tratta di un TAC simulatore, una apparecchiatura dotata di una avanzata  tecnologia  che permetterà di localizzare con più efficacia  e con più precisione il tumore che deve essere sottoposto ad un trattamento di radioterapia.
La tradizione del ferro di cavallo
La tradizione del ferro di cavallo
Fino ad un passato ancora recente, trovare un ferro di cavallo è stato comunemente ritenuto auspicio di buona fortuna, tanto che il ferro, accuratamente conservato, veniva affisso, di solito, all’interno della porta d’ingresso a sbarrare l’entrata a qualsiasi indesiderato ospite.                              
Ciack: si «gira» a Pian di Rosce
«Venerabile Montagna» Ciack: si «gira» a Pian di Rosce
È il Terminillo, più precisamente il piazzale di Pian di Rosce, a fare da scenografia all’ultimo ciack del film-biografia sul venerabile e presto beatificato vescovo Massimo Rinaldi. «Nel dicembre del ’33 il Vescovo insieme a Nazareno Strampelli dava la benidizione all’inizio dei lavori per la strada che avrebbe portato a quella che è l’attuale Pian de Valli» spiega Fausto Fainelli regista e autore.

Grande festa a Micigliano
È arrivato il gas metano a Micigliano
Grande festa a Micigliano, il paese più montano e montanaro del comprensorio terminillese.
L’occasione per i suoi abitanti non poteva essere più lieta e cronometricamente in linea con il momentaneo cambiamento del clima autunnale passato decisamente al freddo. Infatti domenica 28 ottobre 2012 è stato inaugurato, con l’entrata in esercizio, l’impianto di metanizzazione la cui rete di distribuzione collega anche Posta e Amatrice.
Lisciano e la sua Banda musicale
Lisciano e  la sua Banda musicale
Una Santa Cecilia all’insegna del buon vino
Il 22 Novembre di ogni anno per    tutti i musicisti ed i musicanti ricorre un’importante celebrazione: la Festa di Santa Cecilia. Ed anche quest’anno la Banda Musicale di Lisciano non ha potuto esimersi  dai festeggiamenti e si è adoperata per onorare al meglio la sua patrona. I festeggiamenti sono iniziati sabato 24 quando la banda si è riunita davanti la chiesa della Madonna del Soccorso per partecipare alla funzione liturgica, al termine della quale ha poi reso onore ai caduti delle due guerre intonando le note del «Piave» e dell’«Inno nazionale di Mameli».
I consumatori debbono sapere
I consumatori debbono sapere
Consigli per correntisti mutuatari - consumatori sovra indebitati
Sia per i conti correnti con apertura di credito che per i con    tratti di mutuo a tasso fisso o    a tasso variabile le banche applicano interessi composti e cioè anatocistici (interessi sugli interessi).
Il Presepe in Santa Chiara di Rieti
Il Presepe in Santa Chiara di Rieti
Da quello leggendario del 1600…
In una nota di cronaca dell’archivio di S. Chiara, datata 4 giugno 1861, si legge che quel giorno il vescovo di Rieti Gaetano Carletti, su richiesta delle clarisse, entrò nel monastero accompagnato dal suo segretario don Cesare Stagni e da p. Francesco da Capestrano, confessore delle religiose, e concesse 40 giorni d’indulgenza a chi visitava «la Madonna miracolosa del presepio», recitando un’Ave Maria, e altrettanti a chi visitava la statua di S. Giuseppe dello stesso presepio, recitando un Gloria Patri. E fin qui nulla di particolare.
Un Terminillo coi fiocchi
Un Terminillo coi fiocchi
Non ci speravamo più, invece anche quest’anno l’inverno è tornato a farci visita. Con un’estate innamorata perdutamente dell’autunno tanto da non volerlo lasciare fino ad ottobre inoltrato, eravamo abituati a temperature miti ed al di sopra delle medie stagionali. Fortunatamente però il Generale Inverno è arrivato a porre fine questa romantica e insolitamente lunga unione con una delle sue armi migliori: la neve.
Il lattaio
Mestieri scomparsi
Il lattaio
L’omone arrivava al mattino, accostando il suo furgone pieno di fusti metallici, agli ingressi delle case. Bastava un suono di clacson convenzionato e le trombe delle scale delle palazzine iniziavano improvvisamente ad animarsi.