Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
17 Ott 2017   20:34
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 3 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:



n. 2/13 ORIZZONTI
Periodco: ORIZZONTI ieri, oggi, domani Anno Giugno 2013 numero 2
Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questo Argomento.


Nome argomento: n. 2/13 ORIZZONTI

Estate, crisi e tintarella a buon mercato
Estate, crisi e tintarella a buon mercato
È giugno, ed a Rieti e dintorni ormai ci si prepara per le vacanze estive, ma basta accendere un minuto la tv, guardare un telegiornale, e ci si accorge che non per tutti il sogno delle vacanze potrà concretizzarsi. La parola dell’anno è sicuramente «crisi» ed anche in questo caso c’è da tirare in ballo l’inflazionato vocabolo per spiegare come mai gli italiani trascorrano sempre meno le ferie fuori dalla propria città.
Nasce la Federazione Italiana Motoslitte
TERMINILLO dicembre 1970
nasce la Federazione Italiana Motoslitte

Percorrendo a ritroso  la storia di questa montagna ci accorgiamo che molte sono state le iniziative  realizzate nel passato, alcune anticipando i tempi, come la F.I.M.S. Federazione Italiana Motoslitte che all’inizio del 1970 attirò l’attenzione di molti sportivi del mondo motociclistico, automobilistico e dello sci agonistico. 
Nuova vita al Campo D. Rossi
Nuova vita al Campo Sportivo «Domenico Rossi»
Importanti iniziative dell’Amministrazione dei beni civici di Vazia
Dopo anni di quasi totale abbandono, l’impianto sportivo intitolato a Domenico Rossi, realizzato dall’Amministrazione dei Beni Civici di Vazia negli anni ’60 in località Brecciari, si accinge a divenire il fiore all’occhiello del paese. Il presidente dell’Amministrazione, Vinicio Munalli, infatti, non si è dato per vinto ed ha presentato un progetto alla Provincia per il completamento degli spogliatoi ed alla Regione per il potenziamento del campo e per la realizzazione di ulteriori campetti. 
A’ Scampanacciata
A’ Scampanacciata
Fino all’irrompere della «modernità» nei paesi della Valle, ossia fino al tardo secondo dopo guerra, tra le tante consuetudini che i tempi antichi avevano tramandato, c’era la «Scampanacciata». Era un concerto aberrante nel quale era di regola la cacofonia: coperchi e a pentole battuti senza alcun ritmo insieme a rumori vari ottenuti nelle maniere più improbabili: fischi, urla scomposte, grida allusive in un frastuono udibile in quasi tutto il paese.
Lo scempio non durava molto e si risolveva, fra schiamazzi, risate e commenti osceni in poco tempo quanto bastava per rompere il silenzio dei paesi deserti, addormentati e immersi in una più o meno profonda oscurità.
Lisciano in cantina
Lisciano in cantina
Un maggio un pò insolito e temperature che sembrano riportarci a pochi mesi fa sono stati tra i  protagonisti della quarta edizione di «Lisciano in cantina», evento organizzato in concomitanza con i festeggiamenti in onore della Madonna del Soccorso e divenuto ormai un appuntamento fisso nel calendario delle feste paesane della provincia. I membri del comitato ed i ragazzi del paese si sono messi all’opera nei giorni precedenti la manifestazione, per preparare gli stand, ripulire le cantine e curare infine i minimi dettagli per organizzare al meglio questo evento. 
Orizzonti ha incontrato il Sindaco
Orizzonti ha incontrato il Sindaco Petrangeli ad un anno dal suo insediamento
Orizzonti, a quasi un anno dall’insediamento del primo cittadino di Rieti, ha incontrato Simone Petrangeli  per un primo bilancio di attività della sua giunta. Era il 22 aprile e fervevano i preparativi per la manifestazione dei lavoratori della Schneider a Parigi. Nonostante  il silenzio interrotto solo da qualche squillo di cellulare e la disponibilità del nostro Sindaco, il pensiero di noi tutti era rivolto a quanto sarebbe avvenuto nel giorno successivo. È anche per questo che Il nostro incontro non poteva che iniziare parlando delle difficoltà incontrate, quelle di bilancio, prima di tutto, ma anche di quelle più generali, di una città per anni abbandonata a se stessa, in piena crisi economica, morale e culturale. 
Norme sull’utilizzo delle acque
Norme sull’utilizzo e lo sfruttamento delle acque negli Statuti medievali della Città di Rieti
Rieti, sottrattasi all’egemonia longobarda del Ducato di Spoleto in età carolingia, entrò ben presto nell’orbita del potere papale dandosi sul finire del XII secolo l’assetto di libero comune e dotandosi di autonomi statuti.

La Rieti di Margaret Fuller
La Rieti di Margaret Fuller.
La Rieti del femminicidio e della violenza sulle donne

dedicato a Franca Rame
Una passeggiata a via della Verdura, nel pieno centro di Rieti, ci ricorda un fatto storico legato al Risorgimento che forse in pochi conoscono: l’ospitalità che la città fornì ad una donna che si può considerare una delle Madri del Femminismo, Margaret Fuller.
Il fiume Velino
Il fiume Velino e la città di Rieti; tra «storia e cronaca»
La storia e la cronaca della nostra città è intimamente connessa al Velino, fin da quando il fiume si chiamava Avens ed era l’immissario di un vasto lago su cui affacciavano i  villaggi rivieraschi popolati dai prischi Sabini, al punto che lo stesso nome di Rea, la divinità eponima che dette origine a Reate, confondendosi con Rea Silvia madre di Romolo fondatore di Roma può utilmente riferirsi al corso gelido del fiume che ruit in silvis, scorre tra i folti boschi che ne rivestivano le sponde.
Complesso bandistico» di Lisciano
La nuova stagione musicale per il «Complesso bandistico» di Lisciano
L’estate che quest’anno ha tardato ad arrivare, sembra essere molto promettente per l’attività musicale della Banda «G. Verdi» di Lisciano. Molti infatti, sono i paesi in cui essa presterà servizio, allietando i presenti durante le feste paesane ed accompagnando le solenni processioni. 
La tessitrice
Mestieri scomparsi
La tessitrice
Atena, Aracne, Penelope, le Moire tessitrici mitologiche tessono profezie, amori, destini, tessono la vita.
La tessitura, antica arte di costrui-re un tessuto, è da sempre compagna delle abili mani delle donne che hanno filato e tessuto, vestito e protetto, creato e impreziosito corpi e luoghi.
Prima dell’epoca industriale nel nostro territorio sabino si indossavano abiti di canapa e di lana, la seta e il lino erano prerogativa di nobili e prelati. Il materiale più usato era la lana, ricavata dalle pecore, la tosatura era fatta soprattutto dagli uomini. Le donne lavavano e pettinavano la lana, poi la filavano e la tessevano.
Saluto del Presidente
Saluto del Presidente dell’Amministrazione dei Beni Civici di Vazia
Carissimi cittadini nel ringraziarVi Tutti per la fiducia accordatami nel conferirMi per ben due mandati consecutivi la carica di Presidente dell’Amministrazione Separata Beni Civici di Vazia, con queste poche righe desidero mettervi a conoscenza delle cose più significative realizzate in questo ultimo mandato, con la fattiva collaborazione del Vice-Presidente e di tutto il Comitato Amministrativo, nella consapevolezza di aver operato sempre nell’interesse di tutti.