Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
24 Set 2017   13:58
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 1 visitatore e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:


Questa è la Categoria: Interviste
Di seguito trovate gli articoli pubblicati per questa Categoria.


Interviste

Orizzonti ha incontrato il Sindaco
Orizzonti ha incontrato il Sindaco Petrangeli ad un anno dal suo insediamento
Orizzonti, a quasi un anno dall’insediamento del primo cittadino di Rieti, ha incontrato Simone Petrangeli  per un primo bilancio di attività della sua giunta. Era il 22 aprile e fervevano i preparativi per la manifestazione dei lavoratori della Schneider a Parigi. Nonostante  il silenzio interrotto solo da qualche squillo di cellulare e la disponibilità del nostro Sindaco, il pensiero di noi tutti era rivolto a quanto sarebbe avvenuto nel giorno successivo. È anche per questo che Il nostro incontro non poteva che iniziare parlando delle difficoltà incontrate, quelle di bilancio, prima di tutto, ma anche di quelle più generali, di una città per anni abbandonata a se stessa, in piena crisi economica, morale e culturale. 
Obbiettivo innovazione
Obbiettivo innovazione per la crescita
«Io non polemizzo mai con nessuno, però quando sento dire  che la nostra provincia è in una situazione di estrema arretratezza, mi arrabbio per due ragioni: in primo luogo perché non è vero e la vitalità del Consorzio che non ha perso posti di lavoro nonostante la deindu-strializzazione lo dimostra; in secondo luogo perché parlandoci male addosso facciamo un danno colossale a tutta la collettività».
Guglielmo Pepe
Il Generale Guglielmo Pepe
INTERVISTA IMMAGINARIA
Capita a volte di discutere di fatti o persone, facendo svolgere quelli, o facendo agire queste in modo conforme alle nostre convinzioni piuttosto che alla realtà, magari anche quando essa è stata certificata dagli stessi protagonisti.
Saint Pierre Les Elbeuf
Le nostre interviste a Saint Pierre Les Elbeuf
Durante la cerimonia di inaugurazione della fontana si è anche presentata l’occasione di intervistare alcuni cittadini di S. Pierre, il signor Bruno Rosati (primo reatino ad emigrare a S. Pierre) e persino il sindaco Desan-glois in persona.
Le prime domande in merito alla questione del gemellaggio tra le due città ed i primissimi commenti a caldo sulla fontana, sono state rivolte ad alcuni cittadini francesi presenti alla cerimonia ed in particolare ad un membro anziano del Comitato Gemellaggio.
Lello Micheli (musicista)
Artisti di casa nostra
Un pomeriggio con Lello Micheli (musicista)
Rieti ,13 giugno 1937. In occasione dei festeggiamenti di S. Antonio, viene allestita in piazza la tradizionale fiera. Suonando l’armonica a bocca, un ragazzino di circa sette anni si fa largo tra la folla e le bancarelle per far ritorno a Villa Reatina. All’altezza di via Garibaldi, una guardia, colpita dalla sua bravura, lo avvicina, lo accompagna in questura e facendolo salire su un tavolo lo invita a suonare per i suoi colleghi. È con questo ricordo d’infanzia, con questo primo passo di un lungo percorso artistico che lo vede tra i protagonisti della scena musicale reatina, che ha inizio il racconto di Lello Micheli.
Castelfranco: nobile vita d’artigiano
Una passione lunga 58 anni: Mario Salvati
Castelfranco: nobile vita d’artigiano
«Vivi delle tue passioni senza lavorare un giorno della tua vita», diceva Oscar Wilde, intendendo con ciò sottolineare quanto per un uomo sia importante  e auspicabile  svolgere un’attività coinvolgente, appagante, significativa non tanto sul piano economico o prettamente lavorativo ma piuttosto su quello umano, personale.
Pochi al giorno d’oggi riescono ancora a fermarsi un istante a contemplare la bellezza di ciò che stanno realizzando.
La stazione sperimentale Nazareno Strampelli
UNA STORIA LUNGA UN SECOLO - Intervista all’on. Anna M. Massimi
Siamo noi questo chicco di grano: La stazione sperimentale Nazareno Strampelli
Nella prima metà del Novecento la Stazione sperimentale di granicoltura, fondata nel 1907 a Rieti da Nazareno Strampelli, è stata una realtà di vera eccellenza. La ricerca, le sperimentazioni e le ibrida-zioni del grande scienziato iniziarono infatti proprio sul grano «Rieti originario», una se-mente produttiva e altamente resistente alle ruggini dei cereali e usata poi in tutto il mondo
Una lunga e fondamentale attività che però stava per concludersi, come racconta Anna Maria Massimi, Consigliere regionale del Lazio, presidente della XIV commissione Scuola, diritto allo studio, formazione professionale e università. 
MONDO FINANZA E …LEGALITA’
MONDO FINANZA E …LEGALITA’
All’ avvocato Augusto Principi, che da quattro anni cura per la nostra rivista una rubrica di carattere «legale-finanziario», abbiamo rivolto alcune domande inerenti i mutui bancari e quelli delle finanziarie.
Ne viene fuori un mondo molto complesso dove non è sempre facile districarsi e dove frequentemente si è vittime. Spesso nel contrarre un finanziamento si nascondono vere e proprie truffe con tassi da «strozzinaggio» ed un susseguirsi di imbrogli a spese del cittadino. Oggi «accendere» un mutuo, magari per l’acquisto di una casa, si corre il rischio di trovare poi amare sorprese. Quindi è bene prendere le necessarie precauzioni prima di apporre una qualsiasi firma.
Estate tempo di transumanza
Estate tempo di transumanza
Abbiamo ricevuto e pubblichiamo la testimonianza del Signor Nello Chierichetti di Micigliano sulle antiche usanze di pastorizia degli anni 1940-50
Nel 1943, essendo appena divenuto dipendente dell’azienda Pinzari di Roma, iniziai a praticare il mestiere di pastore. Tutte le Nestati sul finire del mese di maggio, partivamo a piedi da Roma con il gregge con destinazione Monte Terminillo. All’epoca non eravamo attrezzati come i pastori di oggi, quindi dormivamo sul prato accanto al gregge. Per non accusare il freddo della notte eravamo soliti sdraiare sotto di noi tre pelli di pecora e sopra un paio di coperte.
Intervista con Augusto Angelucci
Com’è bella Rieti vista da San Diego (e viceversa)
Intervista con Augusto Angelucci
di Flavio Fosso
Si  è da poco chiusa la Mostra  meritoriamente dedicata dalla Fondazione Cassa di Risparmio ad Arduino Angelucci.
Con grande partecipazione, diremmo cosi’ emotiva, il  curatore artistico della Mostra, Franco Bellardi, ha saputo rappresentare il messaggio pittorico dell’autore, nel suo costante divenire, cosicché la Mostra, pur nella necessaria sintesi (ad esempio non ha stato riportato il pregevole affresco, raffigurante una Pietà che sovrasta l’ingresso della cappella Ricci al cimitero di Rieti) può essere giudicata altamente rappresentativa.