Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
15 Dic 2017   05:25
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 1 visitatore e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:

Saint Pierre Les Elbeuf
Inviato da : admin Venerdì, 17 Dicembre 2010 - 17:42
Le nostre interviste a Saint Pierre Les Elbeuf
Durante la cerimonia di inaugurazione della fontana si è anche presentata l’occasione di intervistare alcuni cittadini di S. Pierre, il signor Bruno Rosati (primo reatino ad emigrare a S. Pierre) e persino il sindaco Desan-glois in persona.
Le prime domande in merito alla questione del gemellaggio tra le due città ed i primissimi commenti a caldo sulla fontana, sono state rivolte ad alcuni cittadini francesi presenti alla cerimonia ed in particolare ad un membro anziano del Comitato Gemellaggio.


«Come crede che il gemel-laggio tra Rieti e S. Pierre Les Elbeuf possa contribuire all’incontro tra due culture tanto distanti?».
«S. Pierre è una città particolarmente aperta e negli ultimi anni le relazioni tra bambini, giovani ed anziani si sono rafforzate grazie a questo scambio. Sono felice che finalmente le frontiere si siano dissolte».
Come sopra preannunciato, abbiamo anche avuto la fortuna di intervistare il sig. Bruno Rosati, colui che emigrando in Normandia e sposando una donna di S. Pierre, diede vita al gemellaggio tra le nostre città.

«Signor Bruno, chi meglio di lei può raccontarci come tutto ha avuto inizio nel lontano 1983?».

«Dunque, ci trasferimmo con la mia famiglia qui a S. Pierre nel 1953. L’8 Novembre precisamente.
Anni dopo mio cugino Renato Buccioni, già da tempo coinvolto nel Comitato Gemellaggi di Rieti, mi chiese se sarebbe stato possibile creare un rapporto di scambio anche con S. Pierre…in fondo gli elementi di similitudine c’erano tutti: entrambe sono città fluviali (sebbene in realtà la Senna scorra poco lontana da S. Pierre, senza però attraversare la città) ed aperte.
Fortunatamente il primo sindaco Claude Vochelet, si mostrò da subito disponibile ed entusiasta e così poco dopo, nel Gennaio del 1983, vennero avviati i primi contatti».

«Sappiamo inoltre che il rapporto di amicizia tra S.Pierre e Rieti è rafforzato da un ulteriore elemento...».

«Esatto! La figlia dell’ex sindaco di S. Pierre studiava all’epoca l’italiano e desiderava venire in Italia per apprenderlo sul posto. Così mio cugino Renato, già in contatto con la città, si offrì di ospitarla nella sua casa a Rieti…e poi da lì si sa come vanno queste cose: la ragazza conobbe il nipote di Renato e i due decisero di sposarsi. Ora hanno tre splendide bambine.
Un elemento ulteriore che rafforza il legame che ci unisce a Rieti».
Durante la cena offerta in seguito alla cerimonia di inaugurazione, l’assessore alla cultura di S. Pierre, Yvon Esclasse, sedeva presso uno dei tanti tavoli imbanditi… così si è presentata l’occasione di avvicinarla e di ascoltare anche il suo parere.

«Rivolgo a lei la stessa domanda che tanti cittadini di S. Pierre oggi pomeriggio si sono sentiti rivolgere: come crede che il ge-mellaggio tra le nostre due città possa contribuire all’incontro di due culture tra loro distanti e quali sono le prospettive future che porteranno ad incontrarci di nuovo?».

«Le occasioni di incontro già da ora non mancano: da più di un decennio ormai procedono con successo gli scambi scolastici tra la scuola reatina B.Sisti ed il collegio S.Michel di S.Pierre. L’unica barriera sembra essere per il momento quella linguistica…spesso gli studenti reatini, non conoscendo la lingua francese,non riescono a comunicare facilmente con i nostri.
Ad ogni modo, il gemellaggio con Rieti è per S. Pierre un momento storico molto importante. Siamo estremamente emozionati ed onorati».
Stampa la pagina Invia l'articolo ad un amico
 
Link correlati
· per saperne di più su n. 3/10 ORIZZONTI
· News da admin

Articolo più letto su n. 3/10 ORIZZONTI:
Chiesa di S. Vito

Vota l'articolo
Questo articolo non è stato votato