Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
23 Ago 2017   13:59
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 2 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:

Una tradizione centenaria:
Inviato da : admin Giovedì, 20 Ottobre 2011 - 18:06
Una tradizione centenaria:
la confraternita di Sant’Antonio Abate
Il 17 gennaio è una data molto sentita per le nostre frazioni, in quanto decorre la festa di Sant’Antonio Abate, eremita egiziano vissuto tra il 250 ed il 356 d.C. considerato il fondatore del monachesimo, il quale è legato visceralmente a province come la nostra che fino a mezzo secolo fa basavano l’economia principalmente sull’agricoltura, per il  fatto di essere il protettore dei macellai e salumieri, dei contadini, degli allevatori e degli animali domestici.


Il momento più significativo della festa si è svolto domenica 23 gennaio con la benedizione degli animali, del pane e con la processione che come ogni anni ha interessato le vie di Madonna del Passo, anche se, come da tradizione, il programma religioso è iniziato mercoledi 19 con l’esposizione della statua e nei giorni seguenti con il Triduo Sacro.
Da oltre un secolo, è consuetudine festeggiare devotamente Sant’Antonio con usanze tramandate da padre in figlio grazie all’istituzione della confraternita che in nome del Santo, si diletta a compiere opere di bene; nelle nostre frazioni si contano ben tre confraternite, la più grande è quella di Madonna del Passo, fondata oltre 140 anni fa, è la più numerosa e raccoglie i devoti oltre che di questa frazione, anche di Vazia e Cupaello, le altre due si trovano a Lisciano e Lugnano.
Quest’anno, la parrocchia ha voluto organizzare per la ricorrenza un ulteriore evento: domenica 16 gennaio si è tenuta presso la chiesa di Santa Maria Assunta di Vazia una conferenza del professor Don  Mario Sensi uno dei più autorevoli esperti della religiosità popolare. L’incontro, che verteva sul tema “le confraternite laicali dal medio evo ai giorni nostri” è stato un pomeriggio di formazione per le confraternite antoniane della città di Rieti e dei comuni circostanti.
L’evento ha visto un notevole afflusso di pubblico e Don Mario, con la sua consueta precisione, ha realizzato un excursus storico della storia delle confraternite dal medio-evo ai giorni nostri mettendo in risalto il filo comune che ha da sempre legato i loro appartenenti ovvero la solidarietà, la carità e l’amore verso il prossimo.  
A.D.A.
Stampa la pagina Invia l'articolo ad un amico
 
Link correlati
Vota l'articolo
Questo articolo non è stato votato