Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
26 Lug 2017   12:26
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 2 visitatori e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:

ESPERIENZE SUL TERRITORIO
Inviato da : admin Martedì, 31 Ottobre 2006 - 16:11
La scuola elementare SESTILIO MATTEOCCI di Vazia
presenta il progetto «ESPERIENZE SUL TERRITORIO»

Scuola di VaziaIl 6 giugno 2006, giornata nazionale dell’ambiente, si è svolta nei locali della scuola elementare di Vazia una bella mostra fotografica avente per oggetto i luoghi di rilevanza storico artistico culturale del nostro comprensorio.
L’iniziativa ha avuto come finalità la sensibilizzazione degli alunni e non solo, nei confronti della storia e dell’ambiente del nostro territorio ed è stata realizzata grazie all’impegno di personale docente, degli studenti e dei loro genitori; la classe seconda elementare si è occupata di Lugnano, la terza e la quarta di Lisciano, la quinta di  Vazia  e Madonna Del Passo.


La mostra rientra nell’ambito di un progetto pluriennale, «Esperienze sul territorio», il cui scopo è quello di avvicinare i ragazzi alla storia locale e quindi alle proprie origini affinché questa si possa utilizzare come base di partenza per un futuro migliore delle nostre frazioni; per il prossimo anno è prevista l’analisi e lo studio dei siti rappresentati nella mostra fotografica sia in aula che con visite guidate in presenza di personale qualificato; questi studi verranno poi utilizzati tra due anni al fine di realizzare, partendo dall’analisi dei singoli monumenti presi in considerazione, una storia completa delle nostre frazioni.
La Sestilio Matteocci non è nuova a questo tipo di iniziative, infatti già durante l’anno scolastico 1998-99, la quarta elementare e le due quinte si impegnarono in collaborazione con l’Amministrazione dei Beni Civici di Vazia nel progetto «Arte, Amicizia, Ambiente» che aveva come finalità lo studio e il confronto tra le condizioni economico sociali degli abitanti di Vazia nell’era preindustriale, industriale e post industriale.
L’iniziativa si articolava in varie fasi: la prima in aula per preparare i ragazzi sugli argomenti da affrontare, la seconda consistente in due visite guidate presso le fabbriche Color Spes e Polysistem le quali donarono agli alunni il materiale per la realizzazione del Presepe (terza fase) dal titolo «Gesù nasce in fabbrica» che ha vinto il primo premio nella categoria scuole elementari al XIII concorso provinciale per la realizzazione di un Presepe. Così recitava la motivazione: «Un pregevole Presepe realizzato con materiale povero all’interno di uno scenario che descrive il locale nucleo industriale quasi ad invocarne l’arresto del processo di smantellamento in atto. Suggestiva la scelta cromatica». Il progetto si concludeva con la realizzazione di una recita in dialetto reatino sulle condizioni di vita degli abitanti di Vazia nell’ultimo secolo e comprendeva le considerazioni maturate dagli alunni dopo le visite guidate.   
Infine durante l’anno scolastico 2003-2004 sempre nel contesto del progetto «Esperienze sul territorio», gli alunni, con la collaborazione dell’Amministrazione dei Beni Civici di Vazia e del Corpo Forestale dello Stato, hanno portato avanti un dettagliato studio della flora e della fauna del nostro territorio, esso prevedeva due momenti complementari: proposte didattiche in aula e escursioni sul territorio, gli alunni della terza e della quinta hanno analizzato il Terminillo facendo anche una visita guidata sul sentiero natura dell’Acerone, quelli di seconda e quarta hanno studiato il vivaio di Pian di Rosce, i pascoli e le zone collinari. Anche questa iniziativa era finalizzata all’apprendimento, da parte dei ragazzi, del rispetto e la salvaguardia della natura, al termine degli studi gli alunni hanno anche realizzato una recita sulle tematiche affrontate nel progetto, tratta da una rielaborazione  fatta dagli stessi studenti del libro «Il segreto del bosco vecchio». (a.d.a.)
Stampa la pagina Invia l'articolo ad un amico
 
Link correlati
Vota l'articolo
Questo articolo non è stato votato