Orizzonti ieri, oggi e domani | Home | News | Cerca | Web Links | Raccomandaci | Invia News 
25 Giu 2017   03:56
Il giornale dell'Amministrazione Beni Civici di Vazia
Menu principale
On-line

Ci sono 1 visitatore e
0 utenti on-line

Sei un utente non registrato. Puoi loggarti qui.

Login

 Nickname

 Password

 Ricordami


Lingue

Scegli la lingua:

Musica rock a Rieti
Inviato da : admin Giovedì, 19 Aprile 2007 - 15:23
Musica rock a Rieti
Nostra intervista al chitarrista Stef Burns


Qui in Italia conosciamo Stef Burns soprattutto perché ha suonato nella band di di Vasco Rossi. Davvero onorato di suonare con Vasco, ma le collaborazioni di Stef Burns (uno dei chitarristi più stimati al mondo, lo vedono protagonista al fianco di personaggi come Alice Cooper, Berlin, Michael Bolton, Huey Lewis and the News, ecc. È autore dell’album strumentale di rock e fusion. Ha ultimato un tour tutto italiano e, incredibile ma vero, è stato protagonista nell’autunno 2006 anche qui a Rieti, presso un noto locale di Rieti, io ero lì e ho avuto l’onore di fare questa intervista, che troverete anche sul mio blog:
http://forusbyus.blog.tiscali.it
Stef Burns è californiano, più precisamente di Oakland (vicino San Francisco), parla bene l’italiano, il 14 novembre si è esibito qui in Rieti in una «clinic» incredibile e per l’occasione…
M -     Benvenuto Stef nella nostra città!
S -     Bella città, abbiamo fatto un giro oggi ed è davvero bella!


M -     A livello musicale conosci qualcosa della nostra città?
S  -     Conosco qualcosa grazie a D’Agostino che ha suonato con Brogi, c’è bella gente, bel pubblico.
M -     Quale è stata la tua prima chitarra, quando l’hai acquistata?
S  -     Il mio papà suonava la chitarra e io ho suonato anche quella, mi ha insegnato un po’. Poi a 7 anni mi hanno comprato una winston!
M -     Una domanda che fa riferimento alla tua crescita musicale, siamo curiosi di sapere chi sono stati i tuoi idoli, con chi sei cresciuto, quelli che ti hanno maggiormente ispirato!?
S -      Ok. Allora, io ho 47 anni e sono cresciuto con la musica anni ’60 e anni ’70. la musica che hanno ascoltato i miei genitori. Sicuramente il jazz, blous, rock, Beatles, Miles Davis, … quando ho cominciato a suonare la chitarra, anche per imparare non sono mancati Beck, Jimi Handrix, e ho iniziato a suonare con la mia band a scuola…
M -     All’inizio della tua carriera prima di raggiungere il successo, per i musicisti in generale come si può vivere con la musica!?
S -      ...Piano piano, suonando sempre in giro nei club,…poi il passa  parola, e… i primi lavori tipo con Bolton,...
M -     Recentemente ho seguito un’intervista a Tom Wait il quale ha dichiarato che l’industria musicale è in crisi perché non si comprano i dischi e che forse l’ipod ha tolto il romanticismo del vinile o comunque del cd, come vedi questo periodo della musica?!
S -      È cambiato tutto, ormai le radio ad esempio sono tematiche,…però con un po’ di lavoro si può trovare la musica giusta in radio ad esempio,…
M -     È importante sempre vivere la musica live …
S -     Sicuramente, hai detto bene. Sono molto contento di stare qui,…ho mangiato anche benissimo…
M -     Il tuo nome è legato a tanti artisti di fama internazionale, c’è «un certo Vasco Rossi» che qui in Italia è un punto di riferimento per la musica rock,…che ne pensi di questo artista che riesce ha infondere sempre molta passione nel pubblico da tanti anni…?
S -     In California io non lo conoscevo, poi sentendo i pezzi è nato il primo feeling e con il primo tour, …Vasco è meraviglioso…
M -     Si lavora bene con Vasco?
S  -     Si lavora molto bene,… veramente,…
M -     La tua play list per una clinic come quella di questa sera, come si prepara?
S  -     Si cambia di volta in volta,… stasera è una sorta di seminario con domande del pubblico, un po’ di concerto, …ho un programma ma non sempre l’ho rispetto!
M -     L’ultimo cd che hai comperato?
S -     …John Mayer, …
M -     Quando hai suonato con Steve Vai o altri come ti sei sentito!?
S -     ...Ero felicissimo,…
M -     Sono un appassionato di punk rock e l’America ha risposto degnamente qualche anno fa, negli anni ’70,… Sex Pistols, clash, ecc.… che ne pensi della musica punk, è uno scenario diverso attualmente, …ma ha influito in qualche modo,…?!
S -     Lo amo, sai però io amo tutta la musica anche se non sono bravo ad esempio nella musica classica, …ma adoro hard rock, … jazz,…tutto! Ho scritto comunque nell’80 pezzi punk ,…con tante band inglesi,…
M -     La nostra intervista finisce qui. C’è un gesto scaramnantico che fai prima di salire su di un palco?
S -     No.
M -     Speriamo di ritrovarti presto!!!
S -     Ciao e un saluto a tutti voi!.
Stampa la pagina Invia l'articolo ad un amico
 
Link correlati
· per saperne di più su n. 1/07 ORIZZONTI
· News da admin

Articolo più letto su n. 1/07 ORIZZONTI:
Gli Asburgo

Vota l'articolo
Questo articolo non è stato votato